Orgoglio e pregiudizio: i set del film

old-books-436498_960_720

Si festeggia nel 2013 il bicentenario del capolavoro scritto da Jane Austen “Orgoglio e Pregiudizio”, un romanzo che grazie alla sua trama avvincente ha incuriosito e appassionato intere generazioni; quale occasione migliore per andare in Inghilterra nelle contee del Derbyshire e Lincolnshire e visitare gli splendidi luoghi in cui è stato ambientato l’omonimo film? La guida Condé Nast Johansens vi accompagnerà nella scelta dei migliori alberghi in cui soggiornare in questi luoghi suggestivi, in particolar modo Bath, dove Jane Austen (1775-1817) è vissuta parecchi anni e dove esiste addirittura un Centro a lei intitolato.

Il film diretto da Joe Wright nel 2005 aveva come interpreti principali Keira Knightley e Matthew MacFadyen. È stato girato nelle contee del Derbyshire e del Lincolnshire: Basildon Park, meravigliosa magione palladiana del 18mo secolo affacciata sul Tamigi, sostituisce Netherfield, residenza temporanea del ricco Mr. Bingley, mentre il palazzo di Chatsworth è stato usato per Pemberley, la residenza di famiglia dell’orgoglioso Mr. Darcy. Groombridge Place, una tranquilla casa di campagna in mattoni rossi, è Longbourn, casa della famiglia Bennet. Il villaggio di Stamford, che mantiene tutto lo charme e la tranquillità della vecchia Inghilterra, è invece il villaggio di Meryton, dove vive la famiglia Bennet.

Pride & Prejudice fu pubblicato il 28 gennaio 1813 a Londra da T. Egerton, presumibilmente in 1500 copie. Fu un immediato successo: la prima edizione si esaurì rapidamente, una seconda edizione fu stampata nello stesso anno e la terza uscì 4 anni più tardi. Jane Austen vendette il copyright a Egerton per £ 110 e il libro (rilegato in blu) costava 18 scellini. Oggi una copia della prima edizione è valutata in £ 65.000!

Tra i luoghi da visitare:
Jane Austen Centre a Bath nel Somersetshire
Il Jane Austen Centre, una casa in stile georgiano nel cuore della città, ci narra dell’esperienza di Jane a Bath e l’impatto che ebbe su di lei e la sua scrittura. Dei molti famosi residenti e visitatori di Bath, Jane Austen è forse una delle più conosciute ed amate. Lei vi soggiornò a lungo due volte verso la fine del XVIII secolo, e dal 1801 al 1806 Bath fu la sua casa.
La città è ancora molto simile a come l’aveva conosciuta Jane Austen, preservata nelle sue strade, edifici pubblici e in quell’elegante mondo ben ordinato che lei aveva così vividamente dipinto nei suoi romanzi. Bath è sempre stata famosa fin dai tempi romani come centro termale, l’unico della Gran Bretagna. Ricostruita nel XVIII secolo in elegante stile georgiano, ha molti edifici neoclassici, impreziositi da colonnati nella tipica pietra locale. Il famoso Royal Crescent è una sequenza di trenta residenze – che costituiscono una mezzaluna, cioè crescent – progettata dall’architetto John Wood il Giovane tra il 1767 and 1774, fra i più grandi esempi di architettura dell’epoca. Il Jane Austen Centre offre tour guidati sulle tracce di Jane Austen ed è sede del Jane Austen Festival che si svolge ogni anno a Bath nel mese di settembre.

Chatsworth House nel Derbyshire (Pemberley)
ll Peak District, con le sue spettacolari brughiere e i paesaggi mozzafiato, è una meta obbligata per gli appassionati dei grandi spazi aperti e conta alcune delle più belle residenze di campagna inglesi e pittoreschi villaggi costruiti in pietra. Situato al limite del parco nazionale della regione dei Peak, il castello di Chatsworth, una “seconda Versailles” secondo alcuni, presenta una ricchissima collezione di opere d’arte costituita dai duchi del Devonshire. Trasformato in palazzo barocco nel XVII secolo, Chatsworth fu considerevolmente ingrandito tra il 1820 ed il 1827. Chatsworth House è una delle più amate dimore storiche della Gran Bretagna e nel film è Pemberley, residenza della famiglia di Darcy Fitzwilliam. Jane Austen menziona Chatsworth nel romanzo, che pare l’abbia ispirata per la descrizione di Pemberly. Una curiosità: Pemberly Press è il nome della casa editrice in cui lavora Bridget Jones nel film, un chiaro omaggio alla scrittrice.

Burghley House nel Lincolnshire (Rosings)
Il panorama che si gode da Burghley House abbraccia un ampio parco, creazione di un celebre architetto del paesaggio alla fine del Settecento. La maestosa dimora fu costruita nella metà del Cinquecento ed è una tra le più belle risalenti all’epoca elisabettiana, un vero e proprio scrigno di opere d’arte, con mobili preziosi, arazzi e capolavori pittorici. Oasi di pace, di bellezza ed eleganza, la scenografica facciata elisabettiana di Burghley House rende decisamente bene sul grande schermo e sono in molti i registi ad essersene accorti. Il salotto e la sala da pranzo di Rosings, la residenza di Lady Catherine de Bourgh, zia di Darcy, sono stati ambientati qui.

Il villaggio di Stamford nel Lincolnshire (Meryton)
La deliziosa cittadina di Stamford, vicino a Burghley House, è stata scelta per ambientarvi le scene che si svolgono a Meryton, dove la famiglia Bennet va a fare acquisti e a partecipare ai balli. È un posto ideale per girarvi i film in costume perché non ci sono costruzioni posteriori al tardo Ottocento e molte sono ancora più antiche.

Groombridge Place (Lonbourn, casa della famiglia Bennet)
Situata vicino Tunbridge Wells, nei pressi del Kent e di East Sussex nel Sud dell’Inghilterra, Groombridge Place è una tranquilla casa in mattoni circondata da una serie di giardini, risalente al 1600. Nonostante l’edificio sia un’abitazione privata, i giardini sono aperti al pubblico durante il periodo estivo. È stata utilizzata come Longbourn, casa della famiglia Bennet, trasformando ed adattando gli ambienti in stile XVIII secolo.

Basildon Park nel Berkshire (Netherfield)
Questa splendida tenuta del XVIII secolo nel Berkshire, affacciata sul Tamigi e circondata da un enorme parco, è stata scelta per rappresentare Netherfield, abitazione temporanea del signor Bingley. Ristrutturato da Lord e Lady Iliffe nel 1950, Basildon Park è arredata con mobili e quadri di grande pregio. L’abitazione e il giardino sono aperti al pubblico dalla primavera all’autunno.

Tagged with:     , ,

Related Articles