Il carnevale catalano

mask-1179732_960_720

È uno degli eventi più attesi della Catalogna, oltre duemila maschere, tanto divertimento e una miriade di colori. È il Carnevale di Sitges, un grande appuntamento che unisce grandi e piccini dal 28 febbraio al 6 marzo. La cittadina a Sud di Barcellona attrae ogni anno più di 250.000 persone in 7 giorni pieni di sfilate, feste, costumi stravaganti, musica e spettacoli teatrali. Il Carnevale di Sitges è uno dei 10 più famosi al mondo: i festeggiamenti iniziano il “giovedì grasso”, con l'arrivo del Re Carnestoltes, per concludersi definitivamente il mercoledì delle
ceneri. I momenti salienti sono le sfilate dei carri mascherati dei bambini e di sera quelle degli adulti, che animano le strade di Sitges fino a notte fonda. I festeggiamenti prendono il via con l’arrivo di Re e consorte davanti al Municipio e sono anticipati dalla lettura del “Predicot”, ossia il discorso d'inaugurazione, e del regolamento della festa. La domenica si ha la prima delle due sfilate diventata famosa per la partecipazione di oltre quaranta carri con più di duemila maschere. Il martedì segue la sfilata “Rua de l’Extermini” quella più importante, alla fine della quale la gente si intrattiene a ballare e divertirsi tutta la notte, sino all’alba del mercoledì.
Un break per il Carnevale diventa occasione per visitare una città in grado di sorprendere continuamente. Il fascino del lungomare e la sua architettura bianca incastonata fra mare e montagna, rendono Sitges uno dei migliori paesaggi naturali della Catalogna. La città gode inoltre di uno straordinario patrimonio storico- culturale: tappa obbligata è il Museo Cau Ferrat, che ospita anche opere di artisti del calibro di Ramón Casas, Joan Llimona e Pablo Picasso. Un prestigio che si estende al Museo Maricel, dove è possibile ammirare un’esposizione di dipinti di artisti legati a Sitges, dal Romanticismo al XX secolo. Tra fascino e mistero, da non perdere la Casa Bacardí, antico mercato della città diventato oggi un centro di interpretazione del rum Bacardí perché il suo fondatore era di Sitges.

Tagged with:     , ,

Related Articles