NYC: mad for MAD

20190818_112142

Faccio ammissione di colpa: non lo avevo mai visitato ma orfana del MOMA (che riaprirà i suoi battenti con un totale relooking nel mese di ottobre) non ho resistito al richiamo di una sirena a me ignota. Complice il luogo, a due passi da Strawberry Hill nel cuore di Central Park. L’ubicazione e la struttura architettonica del palazzo rendono unico il MAD. Dalle finestre si può osservare la sfera del Columbus Circle, mentre si passeggia nei suoi corridoi, sebbene l’attuale collocazione del MAD sia variata nel corso del tempo. Il Museo aprì le sue porte nel 1956 come il Museo dei Mestieri Contemporanei, con una missione originale di riconoscere l’artigianato degli artisti americani contemporanei. Alimentato dalla visione del filantropo e mecenate Aileen Osborn Webb, il Museo allestisce mostre incentrate sui materiali e sulle tecniche associate alle discipline artigianali, celebrando i ruoli mutevoli dell’artigianato nella società, sostenendo artisti emergenti e collegando l’arte all’industria.
La nuova sede al 2 Columbus Circle, con oltre 5.000 m2, è più che triplicata rispetto allo spazio originario del Museo. L’edificio si snoda su quattro piani dove gallerie espositive, si alternano a mostre itineranti, la cui durata non è particolarmente ampia, sebbene l’interesse sia notevole.

Mostra Vera Paints
Vera Paints a Scarf celebra il lavoro dell’artista Vera Neumann (1907-1993) e il suo contributo al campo del design americano. Neumann era tra le imprenditrici di design femminile di maggior successo del 20 ° secolo e una creatrice del marchio di lifestyle americano. Nel corso della sua carriera, che è durata dal debutto della sua etichetta nel 1942 alla sua morte nel 1993, Neumann ha prodotto una linea iconica di sciarpe da donna tutte firmate con una corsiva “Vera” e stampate con una coccinella, oltre a migliaia di motivi tessili basato sui suoi disegni, dipinti e collage. Questa mostra sarà la prima a esaminare in modo esauriente la sua carriera e metterà in evidenza le chiavi del suo successo: la sua estetica gioiosa e creativa, l’etica del design democratico, la fusione tra artigianato e produzione in serie e un marketing intelligente.
Raccontando la storia dell’artista dietro il marchio Vera, Vera Paints a Scarf offrirà una selezione di dipinti realizzati con la tecnica preferita di Neumann, il sumi-e giapponese (pittura a inchiostro), da cui derivano i suoi disegni tessili. La mostra proseguirà poi con un’ampia esplorazione delle sue opere di design attraverso oltre duecento oggetti dalle sue linee per la casa e la moda femminile prodotte tra il 1950 e il 1980, tra cui opere originali su carta, tessuti e indumenti, fotografie d’archivio e video, nonché come gli effimeri si riferivano alle campagne di marketing dell’azienda, che utilizzavano ingegnosamente il motto “Vernici Vera” per promuovere la sua etichetta di mercato di massa.

Too Fast to live, Too young to die

Più di quarant’anni dopo l’epifania del punk nelle scene musicali di New York e Londra, si sente ancora il suo impatto sulla cultura più ampia. Nato in un periodo di malessere economico, l’energia del punk si è trasformata in un potente fenomeno subculturale che ha trasceso la musica per colpire altri campi, e in particolare la progettazione grafica. Too Fast to Live, Too Young to Die esplora il linguaggio visivo del punk attraverso centinaia della sua grafica più memorabile, dai remix scioccanti di immagini e testi espropriati a zine e volantini fai-da-te che hanno sfidato la lucentezza commerciale dei media mainstream. Un viaggio nel punk che non si scorda facilmente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Related Articles